Bookmark and Share

Ultime notizie dal MusAA

Le attività del MusAA – estate 2011

News - Ultime notizie

Le attività del MusAA

estate 2011

8 luglio ’11

Presentazione delle attività del MusAA nell’ambito della conferenza “Art and Architecture values as healing terapy after a catastrophe” - V Congresso Internazionale di Estetica dei Paesi del Mediterraneo, Cartagena, Spagna. A cura di Paola Ardizzola, presidente MusAA

 

13-26 luglio ’11

Workshop di Storia dell’Architettura e Restauro con gli studenti della Facoltà di Architettura di San Pietroburgo. Castelvecchio Calvisio (AQ). A cura di Paola Ardizzola, storico dell’architettura e Inna Zaat, ordinario di  restauro

 

16 luglio ’11

Video proiezione del film-documentario “Case Abbandonate” di Alessandro Scillitani, realizzato per la Biennale del Paesaggio di Reggio Emilia, alla cui realizzazione ha collaborato il MusAA.

Proiezione del foto-documentario “La casa di Carlo” realizzato dalla ABfilm di Monza per MusAA.

Castelvecchio Calvisio (AQ), ore 21 – Sala Polivalente.

 

18 – 22 luglio ’11

Workshop di educazione all’estetica e all’architettura per i bambini, titolo “Il borgo è nostro” A cura di Gabriele d’Oltremare, land artist, fotografo e designer. Castelvecchio Calvisio (AQ) – sala polivalente h. 15.30

 

23 luglio – 16 agosto ‘11

Mostra “Viaggio nell’estetica del paesaggio II – Materia e Memoria” di Gabriele d’Oltremare. Multiple name d’Oltremare + Todorovic con materiali archivio MusAA. Castelvecchio Calvisio, Palazzo del Capitano h. 17 – 19.30

 

1 – 5 agosto ‘11

Workshop di educazione all’estetica e all’architettura per i bambini, titolo “Matilde - In cerca della casa scappata”. A cura di Paola Ardizzola, storico dell’architettura, e di Isabell Presenza, specialista in didattica dell’arte. Onna (AQ) – Casa Onna h. 15.30

 

8 – 12 agosto ‘11

Workshop di educazione all’estetica e all’arte per i bambini, titolo “Se un giorno da un quadro normale escono i personaggi a danzare” A cura di Isabell Presenza, specialista in didattica dell’arte. Castelvecchio Calvisio (AQ) – sala polivalente h. 15.30

 

11 – 14 agosto ‘11

Workshop di Architettura, Arte e Design  con gli studenti della Rhode Island School of Design, USA. Castelvecchio Calvisio (AQ). A cura di Paola Ardizzola, storico dell’architettura e di Ezio Genovesi, professore di storia dell’arte


1 settembre ‘11

Partenza dei due studenti aquilani selezionati dal MusAA a partecipare per un anno al cantiere di restauro della Jugend Bauhütte. Quedlinburg, Germania

 

 

Premio Bruno Zevi 2010

News - Ultime notizie

Premio Bruno Zevi 2010

link alla photogallery

Dichiarazione finale con motivazione dell'assegnazione del premio al saggio:

La linea eterodossa di Bruno Taut in Turchia, ovvero una possible conciliazione fra tradizione e modernità,
di Paola Ardizzola.

Il saggio analizza il lavoro intrapreso dall’architetto tedesco Bruno Taut ad Ankara, in Turchia, durante l’esilio causato dall'avvento del nazismo in Germania. Ponendo l’accento su un biennio significativo della vicenda umana e professionale di Taut, peraltro ancora oggi poco indagato dalla storiografia contemporanea, questo studio analizza un caso esemplare nella storia dell’architettura moderna.
L’autrice descrive la relazione tra l'architettura di derivazione Bauhaus e la tradizione architettonica ottomana, molto distante dalla prima: i motivi di dialettica tra le due tendenze architettoniche sono ben riassunti e analizzati nella loro complessità.
Mette così a fuoco in modo incisivo, con padronanza conoscitiva e acume interpretativo, il tema del rapporto fra tradizione locale e architettura moderna - ancora oggi attuale e raramente risolto – esaminando soprattutto l’evoluzione dei principi sociali, tecnici e spaziali del Movimento Moderno in relazione a un contesto differente da quello delle grandi capitali europee, e dimostrando come esso si adatti al linguaggio e alla tradizione locali, rispettandone la specifica cultura dello spazio.
Inoltre, facendo riferimento sia alla produzione architettonica di Taut che al suo contributo come insegnante e teorico dell'architettura in quel periodo, il saggio evidenzia come la sua poetica sia permeata dal concepire l’architettura come “strumento di elevazione sociale”. Intrecciando la “voce” dell’architetto con quella di studiosi e storici, la ricerca di paola Ardizzola esemplifica con coerenza almeno tre delle cinque tematiche richieste dal Premio: lo spazio protagonista dell’architettura; le matrici antiche del linguaggio moderno; il linguaggio moderno dell’architettura.
Il contributo è molto ben scritto, caratterizzato da un linguaggio scorrevole e appropriato e da un’analisi densa, strutturata ed espressa con chiarezza. Anche le illustrazioni hanno un grande interesse documentario, presentando una elaborazione grafica dei principali motivi dell'architettura di Taut nel periodo oggetto dello studio.
La bibliografia è essenziale ma pertinente, resa più significativa dall’inserimento di numerosi testi a firma dello stesso Taut.

Antonietta Iolanda Lima
Josep Maria Montaner
Vera Pallamin
Lucio Passarelli

 

Borsa di studio per un cantiere di restauro in Germania

News - Ultime notizie

di un cantiere di restauro di qualità esemplare in Germania

vedi la graduatoria definitiva

La Bellezza è un'arma raffinata e colta

da opporre alla barbarie. Rosario Assunto

 

  1. Il MusAAMuseoArchitetturaArte, a seguito degli accordi presi con la "Jugendbauhütte" (JBH) “Fabbrica dei giovani”, organo della Deutsche Siftung Denkmalschutz (DSD) “Fondazione Tedesca per la Protezione dei Monumenti” emette il seguente bando di Borsa di studio annuale per n. 2 posti per partecipare ai lavori di un cantiere di restauro di qualità esemplare in Germania

  2. La borsa di studio offre un’importante occasione di studio e di lavoro all’estero, il cui scopo principale è la sensibilizzazione dell’individuo verso la percezione estetica ed artigianale dell’architettura e dei monumenti, il rispetto della città, l’importanza della sua storia e della sua memoria

  3. La borsa di studio è riservata a due cittadini che vivono in area cratere aquilano, colpita dal terremoto del 6 aprile 2009, di età compresa fra i 18 e i 26 anni

  4. La borsa di studio offerta dalla JBH prevede vitto ed alloggio spesati per un anno più un contributo di 410,00 euro mensili

  5. Il MusAA offre un contributo a copertura totale per le spese del primo viaggio di andata e l’ultimo di ritorno per e dalla Germania, in aereo in classe economica al prezzo più conveniente sul mercato

  6. I candidati hanno a disposizione 26 giorni di vacanza in totale, da scegliere liberamente durante l’anno (comprese le feste comandate)

  7. Il programma della JBH prevede l’alternanza di pratica e teoria; i candidati italiani condivideranno una dimora con altri coetanei tedeschi ed internazionali. Gli istruttori dei giovani partecipanti sono professionisti particolarmente qualificati

  8. E’ preferibile la conoscenza di base della lingua tedesca; qualora non vi sia la JBH prevede un corso gratuito di lingua tedesca

  9. Il programma della JBH inizia il 01.09.2011 e termina il 31.08.2012

  10. I candidati interessati devono inviare il loro curriculum vitae et studiorum, indicando accuratamente nome, cognome, luogo ed anno di nascita, residenza, numero di telefono ed email, oltre alla motivazione per cui intendono usufruire della presente borsa di studio, all’indirizzo email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. entro e non oltre le h. 24 di sabato 28 Maggio 2011, facendo richiesta di conferma di ricevuta posta elettronica

  11. I curriculum pervenuti verranno valutati dalla Commissione giudicatrice, composta dal dr. Arch. Paola Ardizzola, presidente del MusAA, dal prof. Arch. Sebastian Storz, direttore del Forum für Baukultur (Istituto di Architettura) di Dresda,dalla prof. Arch. Tiziana Pezzella, docente di Disegno e Storia dell’Arte e da Gabriele d’Oltremare, artista e land designer

  12. A insindacabile giudizio della Commissione giudicatrice, i candidati ritenuti meritevoli verranno convocati ad un colloquio che si terrà entro domenica 5 giugno 2011

  13. Al termine dei colloqui, la Commissione giudicatrice stilerà una graduatoria a partire dal primo classificato; in caso di rinuncia del borsista spettante diritto, la graduatoria procederà a scalare per l’eventuale individuazione del nuovo borsista. La graduatoria verrà pubblicata sabato 11 giugno sul sito del MusAA: www.musaa.it

  14. I borsisti spettanti diritto devono comunicare la loro disponibilità a partire per la Germania e a rispettare il programma della JBH per l’intero anno previsto entro e non oltre sabato 25 giugno 2011*

  15. Il cantiere prescelto (salvo cambio programma che la JBH si riserva) si trova nella città di Quedlinburg, che è patrimonio culturale dell’UNESCO. A Quedlinburg i ragazzi lavoreranno direttamente nel restauro di un edificio della città, la cui caratteristica è la  costruzione Fachwerk (travi in legno)

 

Il centro storico di Quedlinburg, cittadina tedesca di 25 mila abitanti nella regione della Sassonia - Anhalt, copre un’area di 80 ettari ed è stato dichiarato Patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco nel 1994. Un riconoscimento attribuito ad uno dei meglio conservati esempi di città medievale e rinascimentale d’Europa passato miracolosamente indenne attraverso il secondo conflitto mondiale. Sono infatti ancora visibili oltre mille edifici a graticcio (quel particolare sistema di costruzione che unisce legno e intonaco colorato), l’antica residenza imperiale, la chiesa romanica di St. Servatius e il Museo dell’architettura.Passeggiando per la parte vecchia di Quedlinburg si ha la possibilità di ammirare edifici costruiti durante 5 secoli di storia, compresa una costruzione del XIV secolo, una delle case più antiche di tutta la Germania.

* Nel caso in cui il borsista spettante diritto sia impegnato con gli Esami di Stato, va sempre dichiarata la disponibilità a partire entro i limiti previsti dal presente Bando ma con riserva in base all’esito degli Esami di Stato, che deve essere tempestivamente comunicato alla Commissione giudicatrice non appena venga reso pubblico.

 

TIMING
Pubblicazione Bando: martedì 19 aprile 2011
Termine invio domande: sabato 28 maggio 2011
Convocazione per colloquio: entro domenica 5 giugno 2011

Comunicazione graduatoria: sabato 11 giugno 2011

Conferma assegnatari borsa di studio: sabato 25 giugno 2011
Inizio programma della JBH: 01.09.2011

Fine programma della JBH: 31.08.2012

 

Graduatoria definitiva del bando

Jugend Bauhütte Deutsche Stiftung Denkmalschutz

  1. CAPULLI CHIARA
  2. RUSCITTI SIMONE
  3. MAIONE RITA
  4. AZZUE’ CRISTINA
  5. IEIE ELISA
  6. NARDI IOLE
  7. PANONE VALENTINA
  8. GAUDIERI ELEONORA
  9. DE MUTIIS CLAUDIA
  10. MAUGERI DANIELE
  11. LUCIANI MARIANGELA
  12. DI PAOLO CHIARA
  13. ALEXANDRIS CRISTINA
  14. PLACIDI VALERIA

 

 

Case abbandonate

News - Ultime notizie

film-documentario di Alessandro Scillitani

case abbandonate

Il prossimo 8 aprile, nella sala TRE MARIE, ubicata nell'edificio che accoglie anche l'Archivio di Stato dell'Aquila, Zona Industriale di Bazzano, via G. Galilei 2, alle ore 16.30 verrà proiettato in anteprima regionale il film-documentarioCase abbandonate”, prodotto dal Teatro della Fragola-Fragola Film di Reggio Emilia e dalla Biennale del Paesaggio della Provincia di Reggio Emilia. La regia è di Alessandro Scillitani, in collaborazione  con Mirella Gazzotti, direttrice artistica del Teatro della Fragola. La proiezione è a cura del MusAAMuseoArchitetturaArte che ha collaborato nelle fasi di realizzazione in Abruzzo; saranno presenti gli autori del documentario e la presidente del MusAA dr. Paola Ardizzola. La sala TRE MARIE, di proprietà e gestione della Gioel Holding –la stessa azienda che ha rilevato lo storico ristorante aquilano salvando tutte le opere in esso contenute, alcune delle quali attualmente esposte nella stessa sala TRE MARIE – da tempo ospita attività culturali di spessore.

 

Alessandro Scillitani, che ha firmato regia e musica, e Mirella Gazzotti si sono dedicati a quei luoghi d'Italia dimenticati dal vivere quotidiano su cui l’immaginario collettivo costruisce da sempre storie, letterature, miti e leggende. La narrazione documentaria si è avvalsa di numerosi importantissimi contributi: da  Tonino Guerra a Pupi Avati. senza dimenticare Marco Revelli, Antonella Tarpino, Vito Teti, Massimo Bubola, Danilo Arona, Fabio Iemmi, Riccardo Marchesini, Cesare Bastelli. Tutti raccontano le loro storie, le loro esperienze di vita vissuta, la loro memoria di case abitate e abbandonate.

Il documentario nasce dalla volontà di scoprire alcuni fra i tanti luoghi abbandonati d'Italia; ciascuno  assurge a valore archetipico di psico-topos e in ciascuno possiamo trovare un pezzo della nostra memoria individuale. Il regista ha inteso indagare sulla memoria di questi luoghi fin tanto che sono in grado di preservare il ricordo di ciò che furono, nella consapevolezza che memoria dei luoghi è anche memoria dell'uomo. Ponendo l'attenzione su strutture fatiscenti che rivelano (e rivendicano) ancora tutta la loro dignità architettonica, seppur ad un passo dal diventare macerie, nella poesia di luoghi in cui la natura ruskinianamente sta prendendo nuovamente il sopravvento, la produzione ha fermato nella pellicola cinematografica testimonianze e pensieri prima dell'inesorabile perdita.

L'indagine si svolge su tre livelli: una riflessione poetica sul valore dei luoghi, il recupero della memoria di alcune case disabitate e infine la documentazione di alcuni luoghi recuperati dall'oblio grazie alla tenacia di persone volenterose e sensibili. C'è un'attitudine a dimenticare, a trascurare il valore della memoria; l'ultima parte è quindi dedicata a chi sta operando per salvaguardare l'immenso patrimonio architettonico, sopratutto rurale, che si sgretola giorno dopo giorno.

In questo contesto, particolare rilievo assume la parte dedicata ad Aquila e all'Abruzzo, verso cui l'acuta riflessione registica lascia fluire nello spettatore un contraddittorio e benefico flusso di emozioni.

 

Di fatto i luoghi sono i veri protagonisti del film, nella consapevolezza che narrare i luoghi, raccontare le “rovine prima che diventino macerie” significa anche raccontare di noi stessi. Una “riflessione visiva” da non perdere per riflettere, a due giorni dalla data di commemorazione del terremoto aquilano, sui luoghi del passato quali punti di partenza del futuro.

 

Il 2 dicembre 2010 il documentario è stato presentato in anteprima nazionale proprio alla Biennale e dal 18 marzo 2011 è in tournée in diverse città fra cui Mantova, Ferrara, Torino, Soriano Calabro etc. Dopo la tappa aquilana, il MusAA porterà il documentario in diverse città della regione, fino alla prossima estate.

Il giorno della presentazione alla Biennale, il documentario è stato recensito su Repubblica:

http://www.repubblica.it/cronaca/2010/12/02/news/case_fantasmi-9746775/

Per saperne di più:

www.biennaledelpaesaggio.it www.caseabbandonate.blogspot.com

http://www.youtube.com/watch?v=8R1sIDaLnwk

Intervista al regista:

http://www.ilcapoluogo.com/site/layout/set/print/News/Eventi/Case-abbandonate-un-documentario-46917

Alessandro Scillitani

Regista, organizzatore di eventi, cantante, compositore

È direttore artistico del Reggio Film Festival, concorso internazionale per cortometraggi, dal 2002, anno della prima edizione.

Fa parte del gruppo del Teatro dei quartieri, con il quale ha realizzato videoinstallazioni (Permesso di Soggiorno, Aperto al pubblico, Wunderkammeret), videoguide di quartiere (Zonzo), documentari (Gli sbarchi di Riace, Giri di Parole, Case Molto Popolari, Rosta Nuova 1960). Ha realizzato il documentario Le vie dell’acqua, del quale ha composto anche le musiche, che è stato distribuito nelle edicole in abbinamento editoriale con alcuni quotidiani del gruppo L’Espresso.

Il documentario Case abbandonate è stato presentato nel dicembre 2010 a Reggio Emilia, riscuotendo notevole successo e ricevendo importanti recensioni su testate nazionali (Repubblica, Espresso, il Giornale dell'Architettura).

Da molti anni collabora con il Comune di Reggio Emilia, per il quale coordina e organizza eventi (Questione di Gusti, Viaromaviva, Appuntamento al Parco, INdiVisioni, 167 Contatto!). Ha curato la regia video di importanti convegni istituzionali (Progettare Futuri, Buoni Consigli, Verso Expo 2015). Ha realizzato vari spot e videoclip (167contatto, Massimo Ghiacci, Fabrizio Varchetta, Graziano Romani, Giacomo Baldelli). Ha realizzato vari visuals per accompagnare concerti e spettacoli in piazze e luoghi importanti di Reggio Emilia (Taca Dancer, Aterballetto, OST, Pasolini).

Collabora con la Biennale del Paesaggio della Provincia di Reggio Emilia, curando la documentazione video, supportando l’organizzazione degli eventi e realizzando documentari.

Come musicista, ha realizzato nel 2001 una versione teatrale del musical da lui composto Congiuntivite d’amore, e sta lavorando alla realizzazione del suo secondo musical, Persone inutili.

È cantante della band Faberscik, tributo a Fabrizio De André e Giorgio Gaber.

Ha studiato canto con Luisa Cottifogli, ora cantante dei Quintorigo. Si è esibito come cantante in numerose formazioni, proponendo brani da lui stesso composti oppure affrontando un repertorio vario ed eterogeneo, con maggiore apprezzamento per la musica cantautorale e sociale.

 

REGIA DOCUMENTARI

Case molto popolari, prod. Teatro dei Quartieri, 1h, 2006

Rosta Nuova 1960, prod. Teatro dei Quartieri, 30m, 2007

Le vie dell'acqua, prod. Provincia di Reggio Emilia/Teatro dei Quartieri, 1h 30m, 2008

Prendi la strada giusta, prod. Comune di Reggio Emilia, 40m, 2009

Aperto al pubblico! Trasloco Popolare, prod. Comune di Reggio Emilia/Teatro dei Quartieri, 50m, 2009

9kmdiss9, prod. Teatro dei Quartieri/Comune di Reggio Emilia, 80m, 2010

Case abbandonate, prod. Teatro della Fragola/Biennale del Paesaggio, 1h 26m, 2011

 

VISUALS

Taca Dancer, Piazza Prampolini 2008

Lungo il Crostolo Magenta, viale Magenta Reggio Emilia con esibizione di Aterballetto, 2009

OST, concerto di Francesco Cafiso, Piazza Prampolini, Reggio Emilia 2009

OST, Pasolini plays Bach, Piazza Prampolini, Reggio Emilia 2010

 

VIDEO ISTITUZIONALI

PartecipaRete, Regione Emilia Romagna, 2008

Strada facendo, Ministero dell'Istruzione, 2008

Il patto compie un anno, Comune di Reggio Emilia, 2009

Ballata d'estate, Comune di Bibbiano, 2009

Inaugurazione Biblioteca delle Arti, Visioni3, Musei Civici, Comune di Reggio Emilia, 2009

Ci metto la faccia, Associazione Nondasola, 2009

Le fragole non crescono sugli alberi, Provincia/Comune/Fattorie Didattiche/Teatro dell'Orsa, 2010

I CARE, Ministero dell'Istruzione, 2010

Non vogliamo lavorare per la guerra, Comune di Reggio Emilia/CTP/Istoreco, 2010

Storie di ragazzi e ragazze, FormaRE, 2010

 

VIDEOCLIP

Come due amanti di Massimo Ghiacci, 2008

Brenda tra i treni di Massimo Ghiacci, 2008

Sogno per Provincia di Reggio Emilia, 2009

Falling Snow, Ars in RE (Rainking records), 2009

Qui non si può di Fabrizio Varchetta & Witko, 2009

Wilding's Dream di Graziano Romani, 2009

The Blower's Daughter di (Jack), 2010

 

VIDEOINSTALLAZIONI

Aperto al pubblico, collettiva, Teatro dei Quartieri, Fotografia Europea 2009

Dopolavoro, collettiva, Teatro dei Quartieri, Fotografia Europea 2010

 

CORTOMETRAGGI

7 eVenti Luglio, prod. Teatro dei Quartieri, 2008

Giorgio Celli, il lato oscuro di Lazzaro Spallanzani, prod. Musei di Reggio Emilia, 2008

Gli sbarchi di Riace, prod. Teatro dei Quartieri, 2009

Restate Futuristi, prod. Comune di Reggio Emilia, 2009

Il mondo dei due eroi, prod. Unione dei Comuni dell'Alto Appennino Reggiano, 2010

 

COLLABORAZIONI VIDEO PER SPETTACOLI TEATRALI

Nudi, le ombre della violenza sulle donne, Monica Morini, Bernardino Bonzani (Teatro dell'Orsa)

Van Gogh, Antonella Panini

Café Lumière, Ensemble Provocalis

 

EVENTI PRINCIPALI ORGANIZZATI

167contatto

Reggio Film Festival

 

I Giovedì dell’Urbanistica

News - Ultime notizie
I Giovedì dell’Urbanistica - La città tra storia, restauri e nuovi scenari
Comune di Bologna COMITATO PER BOLOGNA STORICA E ARTISTICA

I Musei Civici d’Arte Antica

in collaborazione con

Bologna Storica Artistica

I Giovedì dell’Urbanistica

La città tra storia, restauri e nuovi scenari

coordinano Giancarlo Benevolo

e Carlo De Angelis

 

24 febbraio e 3, 10, 24 marzo 2011 ore 16,30

Museo Civico Medievale

Sala del Lapidario Via Porta di Castello 3

Bologna

Musei Civici D'Arte Antica

 

  

Giovedì 24 febbraio

Ai confini del Comune di Bologna: la città tra urbano e non-urbano

Alessandro Delpiano (Direttore del Settore Pianificazione Territoriale e Trasporti Provincia di Bologna)

 

Giovedì 3 marzo

La città è una creazione dello spirito. Importante è imparare a saper leggerla

Glauco Gresleri (Architetto, già direttore delle riviste Chiesa & Quartiere, Frames e Parametro)

 

Giovedì 10 marzo

Strategie e nuovi progetti per Bologna verso nord-ovest: dalla Stazione al Lazzaretto

Francesco Evangelisti (Direttore del Dipartimento Qualità della città - Comune di Bologna)

 

Giovedì 24 marzo

Il MusAA per la consapevolezza etica ed estetica dopo il terremoto abruzzese

Paola Ardizzola (Presidente del MusAA, Museo Architettura Arte - L’Aquila)

 

Onna tra restituzione virtuale e proposte per la ricostruzione

Carlos A. Cacciavillani (Ordinario di Storia dell’Architettura, Università “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara)

 

L’Aquila a due anni dal terremoto

Adriano Ghisetti Giavarina (Ordinario di Storia dell’Architettura, Università “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara)


 

Conferenza - Biografia e arte di un Maestro del '900

News - Ultime notizie

Conferenza

Biografia e arte di un Maestro del '900

Itinerando tra forme e colori di Aligi Sassu

 

Relatore

Paola Ardizzola - Presidente MusAA - MuseoarchitetturaArte

Dove

Atessa, MUSA – Museo Sassu - Palazzo Ferri – Corso Vittorio Emanuele

Quando

Sabato 12 marzo - h. 18

 
Altri articoli...